– Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile (biennale – classe LM-23)

Il corso di studi in breve

Il Corso di Studi Magistrale in Ingegneria Civile realizza un percorso formativo orientato a fornire conoscenze idonee a svolgere attività professionali in diversi ambiti, anche concorrendo ad attività quali la progettazione, la produzione, la gestione ed organizzazione, l'assistenza delle strutture tecnico-commerciali, l'analisi del rischio, la gestione della sicurezza in fase di prevenzione ed emergenza, sia nella libera professione che nelle imprese manifatturiere o di servizi e nelle amministrazioni pubbliche. In particolare, le professionalità dei laureati della classe potranno essere definite in rapporto ai diversi ambiti applicativi tipici della classe. I risultati di apprendimento attesi, quindi, riguardano principalmente:

  • gli aspetti metodologico-operativi della matematica e delle altre scienze di base che permettono di interpretare e descrivere i problemi dell'ingegneria;
  • gli ambiti relativi dell'ingegneria industriale, con i quali identificare, formulare e risolvere i problemi utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati; le tecniche e gli strumenti per la progettazione di componenti, sistemi, processi in modo da poter condurre esperimenti e di analizzarne ed interpretarne i risultati;
  • la capacità di condurre la progettazione esecutiva di prodotti e processi, lo sviluppo di prodotti, l'installazione e il collaudo di macchine e di sistemi complessi, la manutenzione e la gestione di reparti produttivi, nonché lo svolgimento di attività di misura e di controllo, verifica ed assistenza tecnica oltre che all'identificazione dei fattori di rischio e all'analisi delle condizioni di sicurezza, sia nei processi e negli impianti industriali che nei processi costruttivi di strutture, infrastrutture e opere di ingegneria.

Nell'ambito di alcune delle discipline professionalizzanti viene dato ampio spazio ai laboratori allo scopo di far acquisire al futuro ingegnere le capacità necessarie per poter interpretare le specifiche esigenze del committente e tradurre tali esigente in un progetto alle diverse scale (dal livello micro al livello territoriale).

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

Funzione in un contesto di lavoro:
La Laurea Magistrale in Ingegneria Civile permette l’acquisizione delle seguenti competenze che consentiranno al laureato di proporsi come validi professionisti in ambito sia privato che pubblico:

  • conoscenza approfondita del disegno e dell'inserimento nell'ambiente delle opere infrastrutturali, puntuali, a rete ed Architettoniche;
  • capacità di valutare la fattibilità, la sostenibilità tecnico-economica e di progettare integralmente sistemi complessi ed infrastrutture civili.

Competenze associate alla funzione:
Gli sbocchi occupazionali prevedibili comprendono l'assunzione di compiti e di responsabilità dirigenziali in Italia o all'estero, in rapporti lavorativi coordinati o di consulenza specialistica con:

  • società di ingegneria e studi professionali;
  • imprese di costruzione;
  • amministrazione dello Stato (Ministeri ed organismi tecnici statali, centrali e periferici)
  • enti preposti alla amministrazione urbana e del territorio (Regioni, Province, Comuni);
  • aziende, enti, consorzi ed agenzie preposti alla ideazione, realizzazione e gestione di opere strutturali ed infrastrutturali ovvero reti infrastrutturali;
  • enti preposti al controllo e alla riduzione dei rischi connessi alle opere civili;
  • libera professione individuale.

Sbocchi professionali:

  • società di ingegneria e studi professionali;
  • imprese di costruzione;
  • amministrazione dello Stato (Ministeri ed organismi tecnici statali, centrali e periferici)
  • enti preposti alla amministrazione urbana e del territorio (Regioni, Province, Comuni);
  • aziende, enti, consorzi ed agenzie preposti alla ideazione, realizzazione e gestione di opere strutturali ed infrastrutturali ovvero reti infrastrutturali;
  • enti preposti al controllo e alla riduzione dei rischi connessi alle opere civili;
  • libera professione individuale.

In sintesi il Corso di Laurea in Ingegneria Civile (classe LM-23) prepara professione di:
Ingegneri edili e ambientali - (2.2.1.6.1)

Prova finale

La laurea Magistrale in Ingegneria civile si consegue dopo aver superato una prova finale consistente nella preparazione e presentazione di una tesi di laurea originale che può essere di carattere teorico, progettuale, sperimentale o con caratteristiche miste.
Le modalità di discussione saranno definite del regolamento didattico del corso di studio

Piano di Studi   Scarica la domanda A.A. 2016/2017

I commenti sono chiusi